Email Marketing: l'importanza della DEM nel piano di comunicazione

Luca Targa - 7 dicembre 2017

shutterstock_408362719.jpg

L’email marketing è uno dei metodi più longevi attraverso cui fare conversione e, nonostante la veneranda età, è ancora in grado di garantire una notevole efficacia.

Bisogna però che vi sia un metodo ed una strategia dietro.

In un piano di comunicazione aziendale non si può escludere l’utilizzo della DEM da una strategia di marketing digitale, ma per convertire e aumentare la notorietà del proprio Brand non si devono commettere errori. 

L’Email Marketing è una metodologia di comunicazione molto diretta e personale, della quale è bene non abusare, ne tantomeno utilizzare leggermente o a sproposito.

Ricordate che su di voi pende una spada che porta il nome di “marked as spam”!

 

Per un piano di comunicazione in grado di convertire i prospect in clienti, l’email marketing rimane una pratica fondamentale, scopriamo come farla nel modo corretto!

 

Chiarezza e parole giuste

 Le parole sono importanti” diceva un famoso regista italiano.

Ogni parola deve essere pensata fino allo sfinimento prima di inserirla in un testo.

Quest’ultimo dovrà essere composto da pochi periodi, caratterizzati da un’elevata densità di significato che non dovrà lasciare spazio a fraintendimenti: poche cose dette, e tutte diritte al punto.

Evitate dunque di organizzarlo per paragrafi o, ancora peggio, per grandi blocchi di testo: servono periodi brevi.

Riuscire a veicolare un messaggio chiaro non è un compito facile, per questo le agenzie, nel gestire un piano di comunicazione aziendale, mettono al servizio dei loro clienti un copywriter in grado di costruire al meglio tutti i messaggi destinati ai prospect!

 

Niente distrazioni

 Ogni mail deve essere munita di una sola azione di conversione, proprio come una landing page! Aggiungendo altre variabili, si incrementerà la percentuale di distrazione dell’utente.

Per questo nell’email marketing è importante scegliere con attenzione ciò che si vuole comunicare e puntare esclusivamente su quello: troppa scelta genererà nessuna scelta!

 

Specifica bene l’argomento

 La prima azione che compie un prospect è dare uno sguardo sommario al testo. Testi troppo lunghi, non vengono letti, ma vengono “scannerizzati” dal lettore.

Per questo è importante curare la veste grafica della mail: una buona formattazione ed un saggio uso dei grassetti, aiuterà ad indirizzare l’attenzione del lettore dove più si preferisce.

Dopo questo, la vera sfida sarà elaborare una promessa chiara e utile ai lettori che li faccia proseguire nella fruizione e non li faccia fermare al primo sguardo.

 

Segmenta il pubblico

 Prima di inviare qualsiasi mail è opportuno comprendere al meglio possibile da quali tipologie di persone è esattamente composto il vostro pubblico.

Conoscere più cose possibili sui vostri destinatari aiuterà ad inviare messaggi corretti e pertinenti. Questa è una fase fondamentale, perché segmentare il proprio pubblico, fornendo loro “il messaggio giusto, al momento giusto” aumenterà considerevolmente le potenzialità dell’email marketing!

 

Le mail devono essere responsive

 Le statistiche parlano chiaro: il mercato del mobile, è in continua e costante espansione. Ad oggi, la maggior parte delle azioni quotidiane, e tra queste la lettura delle mail, vengono effettuate da dispositivi mobile.

Risulta evidente che costruire una mail responsive, in grado di essere visualizzata correttamente anche da cellulare o tablet, sarà un passo decisivo della vostra strategia.

Ignorare questo aspetto significa rinunciare ad una fetta significativa di mercato.

 

Analizza l’andamento della campagna

 Una campagna non monitorabile non potrà mai raccontare qualcosa di sé!

Una campagna non monitorata, si traduce in uno spreco di energie, tempo e denaro.

Una volta che l’architettura della campagna sarà ultimata, si dovrà collegarla ad una suite d’analisi che fornisca informazioni in merito al tasso di delivery (consegna, soft bounce e hard bounce), il tasso di apertura della mail e il taso di conversione ottenuto (click che hanno ricevuto le CTA o i link interni).

Monitorare ed interpretare questi dati, affidandosi a un professionista, permetterà di ottimizzare gli investimenti effettuati per tutte le campagne future e quelle in corso!

 

Un Azienda, in fase di costruzione di una strategia di comunicazione, non può privarsi di uno strumento importante ed efficace come l’Email Marketing. E’ fondamentale, però, che questo strumento venga sfruttato al meglio.

Per questo, nella gestione di un piano di comunicazione aziendale, le agenzie mettono a disposizione figure professionali in grado di esprimere e veicolare al meglio tutti i valori e i plus dei propri clienti, personalizzando il contenuto destinato a ciascuno di essi.

 

Così facendo la DEM vi permetterà di costruire le basi per creare nuovi clienti!

Quanto è importante monitorare e conoscere il rendimento delle campagne che abbiamo attive o che dobbiamo attivare? E' fondamentale.

Per questo Inside, mette a disposizione, gratuitamente, un calcolatore che ti permette di concentrarti sui parametri e i criteri principali per misurare e analizzare il ROI delle tue campagne web. Sai quanto sono efficaci le tue campagne marketing? calcola il ROI

Luca Targa

Scritto da Luca Targa

CEO e consulente di comunicazione strategica aziendale. Dopo aver maturato una profonda esperienza nella grande distribuzione, ha scelto di dedicarsi completamente al mondo della comunicazione, portando Inside alla conquista di oltre 60 premi nazionali.

Com'è la Tua
Strategia Online?

cta-consulenza
RICHIEDI  L'ANALISI GRATUITA  DEL TUO SITO

POST RECENTI

LA BIBLIOTECA DI INSIDE

virtu_mosca_bianca
comunico_consapevolmente

THE INSIDER

insider_aprile 2018

Trimestrale scritto e redatto dall'Agenzia di Comunicazione Inside. Una panoramica completa sulle tematiche più attuali e più innovative, viste e spiegate da vicino grazie ai membri del Team di Inside! 

LEGGILI TUTTI ->

MEDIA KEY

Media_Key_367
Magazine di riferimento per Dir. Marketing e Resp. della comunicazione e media relations, per il top management delle imprese che investono in pubblicità, per le agenzie.