Web design B2B: incrementare il tasso di conversione (parte II)

Matteo tasca - 18 maggio 2020

web design b2b

 

Il sito web per le B2B è uno strumento fondamentale tanto quanto lo è per le B2C.

Non è certamente un compito facile quello di realizzare una piattaforma che funzioni bene per tutti coloro che vi entrano in contatto: clienti business, fornitori, dipendenti, collaboratori.

Per essere competitiva oggi un’azienda deve dare servizi online orientati alla soddisfazione degli utenti in target con il proprio business.

Di conseguenza è davvero importante conoscere i fattori inerenti al web design che fanno aumentare il tasso di conversione.

Nel precedente articolo abbiamo visto i primi 3 elementi sui quali puntare in tal senso.

In questo articolo vediamo i restanti 3 da implementare per incrementare il tasso di conversione.

 

Scarica Guida Gratuita per Aumentare Vendite con Sito Web Perfetto

 

IV) Sito non solo responsive, ma studiato per il mobile

 

Abbiamo già detto che l’utente investe poco tempo per ottenere le informazioni dal contenuto pubblicato sulla pagina web che ha aperto. Se non capisce che il sito gli può essere utile lo abbandona rapidamente.

Se a questo aggiungiamo che tre quarti degli utenti forma un giudizio sul sito basandosi sulla bellezza della grafica, allora bisogna pensare davvero bene a come tutti i contenuti delle pagine si presentano sui diversi device da cui si naviga oggi.

Il mobile first è ormai una regola d’ora, perché sempre più utenti si collegano da smartphone e tablet, quindi bisogna andare oltre al responsive. Naturalmente non si può trascurare la navigazione da computer.

Un utente deve visualizzare sempre correttamente le pagine web del sito, qualunque dispositivo egli utilizzi.

 

LEGGI ANCHE: "Versione mobile del sito: la prima regola per la perfezione"

web design b2b

 

Sia da desk sia da cellulare le immagini devono risultare delle giuste dimensioni e i testi devono avere font e impaginazioni idonei alle differenti caratteristiche degli schermi.

Il sito aziendale deve ridimensionarsi automaticamente in ogni sua parte per fare in modo che la UX sia sempre eccellente.

 

 

V) Guidare l’utente verso il link

 

Se non si mostra all’utente dove debba cliccare, di sicuro lui non andrà a cercare un link nascosto da qualche parte nel contenuto che sta leggendo.

Qualunque collegamento si voglia inserire in un testo o in una pagina web deve essere curato anche nella grafica per creare il massimo delle interazioni.

Un espediente molto utilizzano è l’hover, ovvero quell’effetto grafico che fa cambiare l’aspetto di un link  quando ci si passa sopra con il cursore del mouse. Ad esempio un pulsante può modificare il proprio colore o cambiare di forma per attirare l’attenzione.

Il messaggio che arriva alla mente della persona che vede questa azione è “il collegamento funziona”, confermando che se ci cliccherà sopra otterrà ciò che il contenuto promette, ad esempio scaricare un white paper o una prova gratuita di un software.

Il web design in questo caso può determinare l’efficacia della CTA. Basta pensare a come gli ecommerce curino i pulsanti per inserire gli oggetti nei carrelli o quelli per pagare.

 

web design b2b

 

Senza questa attenzione per la grafica si possono perdere moltissimi lead e/o vendite, quindi è giusto investire tempo nel testare diversi soluzioni per invitare l’utente a cliccare.

Visto che gli hover non sono utilizzabili da mobile, perché si naviga utilizzano il dito, bisogna ideare sistemi che differenzino i collegamenti dal resto del contenuto. Solo in questo modo si possono massimizzare le conversioni.

LEGGI ANCHE: "Cosa significa investire in un sito aziendale nel mercato B2B"

 

VI) Organizzare graficamente la gerarchia delle informazioni

 

Immaginiamo di aprire una pagina web con un lungo testo scritto tutto con lo stesso font, senza grassetti, senza sottolineature, senza stacchi tra un paragrafo e l’altro, senza titoli.

Potrebbe essere il contenuto con le informazioni migliori del mondo, ma in pochissimi si impegnerebbero a leggerlo tutto per capire, ad esempio, perché un macchinario consuma meno elettricità di un altro.

Si può notare anche in questo testo la presenza di elementi grafici che guidano in una scorrevole lettura e aiutano nella rapida individuazione di elementi chiave per l’utente.

Un’oculata gerarchia delle informazioni può far capire immediatamente quali siano le cose più importanti e quelle trascurabili.

 

web design b2b

 

Le persone hanno bisogno di riferimenti espliciti per organizzare nella propria mente le informazioni e il web design è ciò che crea ordine nei contenuti delle pagine web per fare in modo che soddisfino le esigenze del lettore.

Creare una gerarchia per tutti gli elementi di design del sito aziendale (titoli, immagini, CTA, pulsanti) consente agli utenti di comprendere meglio le informazioni e, di conseguenza, migliorare la UX. 

Un esempio lampante è l’utilizzo di H1, H2, H3, per evidenziare il tema centrale del testo e i temi correlati che aiutano ad arricchire l’informazione.

Semplificando possiamo dire che  l’H1 è identificabile con il titolo del contenuto (in cui è inserita la keyword principale), mentre H2 e H3 sono i titoli dei paragrafi e dei sotto paragrafi.

La gerarchia di questi tag fa capire chiaramente all’utente di cosa si parla e come può muoversi rapidamente nel testo per raggiungere l’informazione che cerca.

Inoltre, i medesimi tag sono la base della SEO, ovvero l’ottimizzazione per i motori di ricerca.

Google segue la gerarchia delle informazioni che gli viene indicata attraverso di essi per capire istantaneamente se quel contenuto è più o meno adeguato alla domanda digitata dall’utente.

 

In conclusione: il web design deve coniugare bellezza ed efficienza

 

Abbiamo visto 6 fattori del web design che non bisogna assolutamente trascurare oggi se si vuole avere un ottimo sito per un’azienda B2B.

Giunti alla fine di questo articolo è evidente che la sola estetica non funziona, ma non funziona nemmeno uno strumento digitale tecnicamente efficiente ma per nulla piacevole da utilizzare.

Ogni pagina web di un brand deve essere lo specchio di ciò che esso vuole comunicare ai propri clienti e a tutti coloro che entrano in contatto con esso ancora prima di acquistare.

Il sito web è uno dei principali strumenti di marketing e ogni suo dettaglio deve essere studiato per soddisfare gli utenti e favorire la loro conversione in lead e, poi, in acquirenti fedeli.

In conclusione si può affermare che investire tempo e risorse nel design della propria piattaforma online è la mossa giusta per incentivare la crescita dell’azienda.

 

Vuoi aumentare le vendite? Mettiti in contatto con noi per una consulenza sulla comunicazione integrata per la tua azienda

Matteo tasca

Scritto da Matteo tasca

Diciamocelo, in internet esiste una basilare e semplice regola: se non ci sei, non esisti. Io non mi fermo qui, e aggiungerei: ci devi essere nel modo giusto. Mi definiscono una mente capace di progettare un sito per qualsiasi tipo di prodotto o servizio, in grado di essere ben funzionante su qualsiasi device del mondo e che dia il cosiddetto “EFFETTO WOW” a ciò che sto promuovendo!

Com'è la Tua
Strategia Online?

cta-consulenza
RICHIEDI  L'ANALISI GRATUITA  DEL TUO SITO

POST RECENTI

LA BIBLIOTECA DI INSIDE

virtu_mosca_bianca
comunico_consapevolmente

THE INSIDER

insider_aprile 2018

Trimestrale scritto e redatto dall'Agenzia di Comunicazione Inside. Una panoramica completa sulle tematiche più attuali e più innovative, viste e spiegate da vicino grazie ai membri del Team di Inside! 

LEGGILI TUTTI ->

MEDIA KEY

Media_Key_367

Magazine di riferimento per Dir. Marketing, Resp. della comunicazione e media relations, per il top management delle imprese che investono in pubblicità, per le agenzie.

SCOPRILI TUTTI ->