Il futuro dell’ADV? Interconnessione tra media tradizionali e online

Guido Marabini - 2 dicembre 2021

futuro dell'adv

 

 

Secondo quanto riportato dall’Osservatorio Internet Media del Politecnico di Milano nel corso della seconda parte del 2021, l’ADV digitale ha raggiunto, in Italia, i 4,2 miliardi di euro

 

Un traguardo (contrassegnato da un +23% rispetto all’anno precedente) che permette all’online di svettare nelle classifiche degli investimenti pubblicitari delle aziende. È il secondo anno in cui il digital ADV supera i media tradizionali che in alcuni casi reggono ancora il confronto, specie le tv che vantano una quota del 45% rispetto alle somme complessive investite.

La domanda che ora si pone ogni azienda attenta ad apprestare le migliori strategie di marketing è: quale futuro dobbiamo aspettarci nel settore dell’advertising?

Proviamo a rispondere in base ai dati e alle analisi in nostro possesso.

 

 

Ti potrebbe interessare: "ADV online oltre i 4 miliardi, superati i media tradizionali"

 

 

ADV: sempre più contaminazioni tra i media tradizionali e quelli digitali

 

Partiamo dai dati di fatto: le strategie attinenti all’online vengono applicate, con sempre maggiore frequenza, anche al di fuori dei canali propriamente digitali.

I principi di multicanalità e di omnicanalità stanno però determinando la necessità di rivedere le modalità di accesso ai contenuti.

Le aziende, in altre parole, stanno puntando a un grado di interattività sempre più alto con gli utenti, sfruttando nuovi touch-point, attraverso processi di vendita e spazi pubblicitari che combinano elementi fisici (all’interno degli store) con gli strumenti digitali progressivamente sempre più presenti in fase di promozione, transazione e after selling.

 

Il compito che ne consegue è quello di allineare le metodologie di misurazione e di valutazione delle diverse iniziative commerciali.

Esempi? Analizzando l’ambito del digital audio possiamo constatare una crescita del 40% in un solo anno. Ad accompagnare questo dato c’è la presenza sempre più assidua, nelle case degli italiani, degli smart speacker, in grado a loro volta di veicolare la vendita di prodotti e servizi ad essi collegati. 

 

 

futuro dell'adv

 

 

Come e dove investiranno le aziende orientate all’ADV nel biennio 2022-2023

 

Secondo lo Studio Media Reactions 2021 si evidenzia come un numero elevatissimo (94%) di aziende orientate al marketing e alla comunicazione digitale, nel corso del 2022 ha intenzione di investire in modo massivo nei diversi formati video sulle differenti piattaforme ora presenti sul mercato. 

Un'altra fetta rilevante (83%) è decisa ad aumentare gli investimenti in ADV all’interno delle connected tv.

Ma non è tutto. Rafforzando una tendenza già avviata, il 78% punterà con ancora maggior convinzione nelle social media stories, mentre il 73% sceglierà, tra le opzioni, quelle connesse al branded content unitamente alla scelta di influencer ad hoc. 

 

 

Ti potrebbe interessare: "Adv per l'eCommerce: come costruire un'efficace strategia di advertising"

 

 

Tra i lati negativi c’è però, anche, la riduzione del ROI medio delle campagne, passato nel corso dell’ultimo anno da 4,5 a 2 dollari, per ogni dollaro investito. Il motivo? È da ricercare nell’affollamento e nella frammentazione crescente dei mezzi utilizzati dal pubblico. Le aziende, in pratica, devono investire su molte piattaforme diverse, con dispersione in termini di costo per campagna, soprattutto lato analisi e personalizzazione dei contenuti.

 

 

New call-to-action

 

 

 

Come studiare al meglio una campagna di comunicazione crossmediale

 

futuro dell'adv


  • Scelta della piattaforma

Ogni piattaforma o canale digitale (così come quelli fisici) ha proprie regole e peculiarità. Si tratta di ambienti all’interno dei quali i brand (così come i singoli influencer) devono cercare di muoversi in maniera sinergica e coordinata rispetto alle aspettative del pubblico di riferimento.

 

  • Il formato

A seconda delle piattaforme, da quelle “classiche” (Instagram o Youtube) a quelle che stanno ancora segnando una netta espansione a livello di pubblico (TikTok) vanno scelti formati specifici, se non unici. Solo rispettando questi prerequisiti si può arrivare ad aumentare l’esperienza utente in un mix di brand awareness e di engagement.

 

 

Ti potrebbe interessare: "Le tendenze che descrivono il Social Media Marketing del futuro"

 

 

  • Trasposizione dei modelli

Tutto quanto di buono abbiamo detto sui canali digitali resta, ma occorre interrogarsi sul fatto che i mezzi che presentano la più elevata capacità di generare adv predisposition nei potenziali clienti sono ancora il cinema, gli eventi e le riviste. Il compito delle aziende sarà quindi quello di trasferire questi modelli all’interno degli ambienti digitali, passando dalla logica dell’interruzione a quella della creazione di intrattenimento per gli utenti.

 

Desideri avere una consulenza dedicata per un progetto di Digital Marketing in grado di sfruttare le strategie e gli strumenti più avanzati? Contattaci, ti sapremo fornire i consigli più adeguati alle tue esigenze.

 

Vuoi aumentare le vendite? Mettiti in contatto con noi per una consulenza sulla comunicazione integrata per la tua azienda

 

Guido Marabini

Scritto da Guido Marabini

Head of Digital e Project Manager. Appassionato di nuove tecnologie e della comunicazione non convenzionale, finalizzo tutte le mie energie alla ricerca della strategia e del mix perfetto di strumenti per raggiungere tutti gli obiettivi.

Com'è la Tua
Strategia Online?

cta-consulenza
RICHIEDI  L'ANALISI GRATUITA  DEL TUO SITO

POST RECENTI

LA BIBLIOTECA DI INSIDE

Ripartiamo dalla felicità
human automation
comunico_consapevolmente
virtu_mosca_bianca

THE INSIDER

insider_aprile 2018

Trimestrale scritto e redatto dall'Agenzia di Comunicazione Inside. Una panoramica completa sulle tematiche più attuali e più innovative, viste e spiegate da vicino grazie ai membri del Team di Inside! 

LEGGILI TUTTI ->

MEDIA KEY

Media_Key_367

Magazine di riferimento per Dir. Marketing, Resp. della comunicazione e media relations, per il top management delle imprese che investono in pubblicità, per le agenzie.

SCOPRILI TUTTI ->