L’email marketing tra inbound e outbound

Guido Marabini - 29 marzo 2022

email marketing

 

Esistono strumenti di marketing riconducibili senza ombra di dubbio all’inbound e altri chiaramente outbound, ma quando si prende in esame l’email marketing tutto si fa più ambiguo.

 

Alla domanda l’email marketing è inbound o outbound?” le risposte degli esperti vanno in ogni direzione.

C’è chi afferma che l’invio di un’email sia sempre outbound, perché l’utente che la riceve deve interrompere ciò che fa per leggerla.

 

Di parere opposto chi dice che un’email inviata a un pubblico interessato a riceverla è assolutamente una strategia inbound.

 

A metà tra le due posizioni c’è chi pensa che l’email marketing possa essere sia inbound sia outbound.

 

Analizziamo entrambe le strategie di marketing e i relativi invii di posta elettronica per capirne le differenze.

 

 

Ti potrebbe interessare: "Email Marketing: i fattori chiave di sviluppo per il 2022"

 

 

Email marketing inbound: caratteristiche e vantaggi

 

inbound email marketing

 

L'email marketing inbound interviene nel funnel appena l’utente lascia il proprio indirizzo di posta elettronica, quindi diventa lead.

 

Una volta conquistata l’attenzione dell’utente in target, ovvero la buyer persona, l'inbound marketing invia messaggi per aumentare la possibilità che completi il percorso d’acquisto.

 

Per ottenere un buon numero di contatti a cui inviare email con l’inbound marketing serve tempo, indicativamente da alcuni mesi fino ad anni, ma il loro coinvolgimento è molto alto.

 

Dal punto di vista delle spese è importante sapere che l’inbound marketing costa il 62% in meno rispetto all’outbound. I motivi di questo risparmio sono dovuti a due fattori:

  • ROI più alto, perché si rivolge a lead caldi;
  • Minore dispersione di lead, perché corrispondono a utenti interessati ai contenuti.

 

Il risparmio si concretizza proprio perché l’inbound risulta più efficace e costante nel tempo.

 

 

Scarica subito subito la nostra guida per scoprire cosa ti può dare l'inbound marketing: benefici e opportunità per la tua azienda 

 

 

Email marketing outbound: caratteristiche e vantaggi

 

inbound email marketing

 

L’email marketing outbound consiste nell’invio di messaggi di posta elettronica a un pubblico ampio che non ha manifestato un preciso interesse per un brand o per contenuti inerenti all’attività di un’azienda.

 

L’inbound marketing va a cercare potenziali clienti attraverso azioni che interrompono ciò che l’audience sta facendo. Un esempio classico è lo spot televisivo che blocca per qualche minuto la visione di un programma e si rivolge a un vasto gruppo di persone.

 

 

Ti potrebbe interessare: "Trend Inbound 2022: l’Esagono di Hankins rivoluziona il funnel"

 

 

Analogamente, l’email marketing outbound non chiede il consenso ai destinatari, ma effettua un invio massivo di messaggi sperando che qualcuno risponda positivamente.

 

Si potrebbe dire che l’inbound è più preciso ma più lento, mentre l'outbound è più veloce ma meno mirato.

 

Un altro punto a sfavore del secondo metodo rispetto al primo è, come abbiamo già evidenziato, il costo. In questo caso bisogna considerare che le piattaforme per l’invio delle email (ad esempio Mailchimp) hanno costi che crescono in proporzione al numero di contatti.

 

L’email marketing outbound comporta spese maggiori, perché si basa su mailing list molto corpose e di conseguenza ogni invio di posta costa molto.

 

 

Ti potrebbe interessare: "Come sviluppare strategie di inbound marketing per il B2B"

 

 

Sintesi delle differenze tra email marketing inbound e outbound

 

email marketing

 

Le tre differenze tra email marketing inbound e l’email marketing outbound sono:

  • Grado di coinvolgimento.
    Il primo si rivolge a pochi lead interessati, mentre il secondo contatta un pubblico generalista.
  • Velocità.
    Creare una mailing list con lead caldi richiede tempo, mentre utilizzare una lista di indirizzi da contattare a freddo è più veloce, anche perché quest’ultima spesso viene acquistata e non creata da zero.
  • Costo e ritorno sull’investimento.
    L’inbound generalmente costa meno e ha un ROI maggiore, mentre l’outbound ha spese più alte e non converte molti utenti in clienti.

 

email marketing

 

Guido Marabini

Scritto da Guido Marabini

Head of Digital e Project Manager. Appassionato di nuove tecnologie e della comunicazione non convenzionale, finalizzo tutte le mie energie alla ricerca della strategia e del mix perfetto di strumenti per raggiungere tutti gli obiettivi.

Com'è la Tua
Strategia Online?

cta-consulenza
RICHIEDI  L'ANALISI GRATUITA  DEL TUO SITO

POST RECENTI

LA BIBLIOTECA DI INSIDE

Ripartiamo dalla felicità
human automation
comunico_consapevolmente
virtu_mosca_bianca

THE INSIDER

insider_aprile 2018

Trimestrale scritto e redatto dall'Agenzia di Comunicazione Inside. Una panoramica completa sulle tematiche più attuali e più innovative, viste e spiegate da vicino grazie ai membri del Team di Inside! 

LEGGILI TUTTI ->

MEDIA KEY

Media_Key_367

Magazine di riferimento per Dir. Marketing, Resp. della comunicazione e media relations, per il top management delle imprese che investono in pubblicità, per le agenzie.

SCOPRILI TUTTI ->