Strumenti di marketing per aumentare il fatturato: LinkedIn InMail

Riccardo Pavanello - 3 luglio 2020

strumenti per aumentare il fatturato

La LinkedIn InMail sono tra i formati di annunci LinkedIn più popolari ed efficaci per la generazione di lead. Consentono di inviare messaggi diretti e altamente personalizzabili agli utenti di LinkedIn direttamente nella loro casella di posta.

Sono messaggi che si possono inviare ad un altro utente LinkedIn, con il quale non si è in contatto.

Si possono gestire nella sezione posta, per il profilo Basic sono 5 quelli a disposizione, poi non si avrà altra scelta che attivare un account Premium.

Se non si conosce l’indirizzo email, non si è stati colleghi, amici l’unico modo per contattare un determinato utente è un messaggio InMail.

 

Ma come utilizzare questo potente mezzo nell’ottica di aumento del fatturato?

 

Scrivere un messaggio corretto, impostando tutta la comunicazione nella giusta maniera, sarà la chiave di volta che vi permetterà di raggiungere i vostri obiettivi.

 

Schermata 2018-05-28 alle 12.08.54

Guida agli Strumenti di Marketing per incrementare il proprio Business

 

 

I vantaggi delle LinkedIn InMail:

 shutterstock_1488992447

 

  • Esperienza senza interruzione all’interno della Piattaforma.
  • Real Time Delivery: il messaggio viene ricevuto dall’utente solamente nel momento in cui questo si trova online.
  • Possibilità di personalizzazione del messaggio attraverso  elementi visuali e Call-to-Action
  • Personalizzazione dei messaggi attraverso i Token (ad es. Nome e Cognome…)
  • Possibilità di completo monitoring dell’andamento della campagna ( analisi del CPS, delle Aperture, dei Click , delle Conversioni…)
  • Comunicazione più diretta. Un approccio one-to-one che permette di raggiungere il tuo pubblico di riferimento a un livello più personale.
  • Credibilità. Il messaggio viene recapitato da una persona reale. I destinatari possono persino controllare il profilo LinkedIn del mittente per ulteriori informazioni.
  • Messaggi in blocco. Invece di dover inviare il messaggio uno ad uno come nei normali messaggi di posta elettronica, puoi consegnare centinaia di messaggi di posta elettronica personalizzati contemporaneamente.
  • Tasso di apertura elevato. Rispetto ad altre forme di pubblicità, il tasso di apertura medio di un InMail è di circa il 45%, ma può raggiungere fino all'80-90% per alcuni settori!

 

Scrivere un messaggio sponsorizzato con LInkedIn Mail è la strada per poter aumentare il fatturato della vostra azienda, ingaggiando utenti e aziende estremamente in target.

Occorre seguire regole chiare e, non ultimo, profilare il pubblico destinatario avendo ben chiare le proprie buyer persona.

 

Lingua della campagna LinkedIn InMail

 

Scegliere la lingua di sistema modificherà il modo in cui si andrà a colpire il pubblico, la Sponsored InMail colpirà solamente chi ha selezionato la stessa lingua che voi avrete impostato.

Se volete aumentare il vostro fatturato in Italia, dato che molti utenti impostano l’inglese come lingua di default per mostrarsi più interessanti, molto meglio settare due campagne: una in inglese, l’altra in italiano.

 shutterstock_524364325

 

Mittente e audience della LinkedIn InMail

 

In una campagna Sponsored InMail i messaggi che invierete avranno come mittente una persona fisica, non dei profili aziendali.

Un importante punto di partenza per creare il tuo annuncio InMail, pertanto,  è decidere chi sarà il tuo mittente.

Il nome associato al tuo messaggio dovrebbe essere rilevante per la persona che riceve il messaggio.

Anche il titolo professionale è importante per conferire rilevanza e credibilità al mittente e al messaggio.

Prima di impostare la tua campagna, pensa davvero a chi vuoi scegliere come target. Utilizza i filtri di targeting per metterti di fronte a persone più qualificate anche se ciò significa un pool di persone più piccolo.

Una delle prime cose da considerare è la posizione, ovvero la città, lo stato o persino il paese che si desidera raggiungere.

Pensa all'esperienza e al livello che vuoi che siano queste persone. LinkedIn ti consente di scegliere specifici incroci di lavoro, titoli, anzianità ed anni di esperienza.

Un'altra cosa importante da considerare è da quale tipo di azienda vuoi che queste persone provengano. Per il targeting aziendale, puoi selezionare nomi specifici, settori, dimensioni, ecc.

Ma il targeting non si ferma qui; puoi anche esaminare l'istruzione, l'interesse, l'età e il genere delle persone che desideri raggiungere.

Come puoi vedere, ci sono molte opzioni di targeting, quindi pensaci in anticipo e assicurati davvero di selezionare le opzioni di targeting giuste che si adatteranno ai tuoi acquirenti al fine di aumentare i lead qualificati.

E' bene non cercare di creare audience troppo grandi, ne troppo piccole.

Nel primo caso, potrebbe diluire velocemente il budget e sarà difficile analizzare i risultati per provare a identificare modelli comuni in seguito.

D'altro canto, il pubblico piccolo potrebbe prevedere tempi troppo lunghi della campagna, poiché le InMail vengono consegnate solo quando i membri di LinkedIn sono attivi.

 

Il contenuto

scrivere un messaggio con il giusto contenuto

 

La compilazione della LinkedIn InMail passerà per forza dal contenuto che sarà suddiviso in 4 sottocategorie: oggetto, sommario, testo del messaggio, disclaimer.

 

L’oggetto in questo caso assume un valore relativo, in quanto l’utente difficilmente non leggerà la mail. Il motivo è molto semplice: il messaggio, arrivando da una persona fisica, incuriosirà molto di più il destinatario, portandolo ad aprirlo.

 

Il sommario, invece, è un campo opzionale ed è quella parte di testo che completa l’anteprima del messaggio di posta, per ora non visibile da mobile, ma solo da desktop.

 

il contenuto del messaggio è fondamentale

A questo proposito gli esperti ribadiscono la grande importanza del testo che deve presentare elevati livelli di personalizzazione ed essere persuasivo,mentre il disclaimer vi permetterà di spiegare al destinatario chi siete e perché lo avete contattato.

 

Hai la possibilità di inserire banner nella parte alta, a destra della tua InMail; è un’implementazione opzionale, ma che non richiede costi aggiuntivi per cui val la pena di sfruttare questa opportunità per fare branding e rafforzare il nostro messaggio e chiamata all'azione.

 

Call to Action

 

Al termine della mail non resterà che inserire una CTA e il link della landing page, un’immagine potrebbe aiutare a portare a buon compimento la LinkedIn Inmail che avrete inviato.

 

Best practice:

 best practice delle linkedin inmail


  • Costruire un messaggio che apra le porte ad un dialogo e non sia strettamente promozionale.

  • Personalizza il tuo messaggio. È questa la chiave per generare lead di alta qualità che vogliono interagire con la tua attività
  • Adegua la lunghezza del testo,Secondo LinkedIn, i messaggi di posta elettronica concisi che sono più brevi di 500 parole di solito hanno un CTR superiore del 46%. Ciò significa che dovrai elaborare un argomento convincente senza perdere troppo tempo del lettore.
    Inoltre, non dimentichiamo che molte di queste e-mail verranno lette da uno smartphone.

  • Sfruttare la possibilità di effettuare internal link building
  • Orienta lo stile del testo ed i contenuti per il target di riferimento che è stato targettizzato
  • Mettiti nei panni del destinatario e immagina la sua esperienza convincente, dall'inizio alla fine.

  • Inserisci una Call-to-Action diretta, univoca e chiara per l'utente. Dobbiamo far compiere un'azione al nostro cliente. Questa azione deve essergli chiara e univoca.

  • Includi elementi visivi. Le InMail mostrate sul desktop possono essere accompagnate da un'immagine che accompagna il tuo messaggio. (non ancora disponibile sui dispositivi mobile). Non deve essere però un elemento di distrazione, ma a corredo del tuo messaggio!

 

Dove sono i miei clienti?

Attraverso quali canali si formano in ambito lavorativo?

Come mi cercano?

Le imprese B2B, sono chiamate a concentrarsi sulle risposte a queste domande ed in loro aiuto può sicuramente andare il Marketing digitale ed i suoi canali.

 

 

Schermata 2018-05-28 alle 12.08.54

Guida agli Strumenti di Marketing per incrementare il proprio Business

 

Riccardo Pavanello

Scritto da Riccardo Pavanello

Project Manager e Social Sea Specialist. Fonda la sua attività nell’organizzare i progetti di comunicazione per le aziende, in particolar modo quando si tratta di fare pubblicità attraverso i Social Network. Statistiche, numeri e targetizzazione del pubblico sono le fondamenta del suo lavoro per portare leads caldi alle aziende attraverso il sistema di Marketing Diretto.

Com'è la Tua
Strategia Online?

cta-consulenza
RICHIEDI  L'ANALISI GRATUITA  DEL TUO SITO

POST RECENTI

LA BIBLIOTECA DI INSIDE

virtu_mosca_bianca
comunico_consapevolmente

THE INSIDER

insider_aprile 2018

Trimestrale scritto e redatto dall'Agenzia di Comunicazione Inside. Una panoramica completa sulle tematiche più attuali e più innovative, viste e spiegate da vicino grazie ai membri del Team di Inside! 

LEGGILI TUTTI ->

MEDIA KEY

Media_Key_367

Magazine di riferimento per Dir. Marketing, Resp. della comunicazione e media relations, per il top management delle imprese che investono in pubblicità, per le agenzie.

SCOPRILI TUTTI ->