Messenger Rooms di Facebook: un nuovo strumento per le video chiamate

Cinzia Folli - 4 maggio 2020

messenger rooms: strumento per le video chiamate

 

Le videochiamate e le videochat di gruppo sono diventante una consuetudine per un enorme numero di persone in tutto il mondo e Facebook ha subito cavalcato l’onda sviluppando velocemente un nuovo strumento: Messenger Rooms.

Zuckerberg e soci questa volta non sono stati i precursori del cambiamento socio-tecnologico, ma sono stati bravi a lanciare in tempo record una funzione che promette di soddisfare le nuove esigenze relazionali degli utenti dei social network e non solo.

Vediamo meglio cos’è Messenger Rooms e i motivi per cui potrebbe essere molto utilizzato oggi e anche in futuro.

 

CTA - SCARICA LA GUIDA - Tutto quello che serve per aumentare il fatturato con una digital strategy

 

Il grande incremento delle video call

 

La primavera del 2020 sarà certamente ricordata da tutti noi per il lockdown, ma anche per lo smart working e le video call fatte per lavoro e per divertimento.

 

La necessità di comunicare a distanza stabilendo un contatto visivo non è mai stata così evidente come ora e le piattaforme tecnologiche che permettono di farlo sono state prese d’assalto. Un chiaro esempio è l’impennata di download di Zoom, software nato proprio per le videochiamate di gruppo.

Un altro dato emblematico è l’incremento degli account di WhatsApp e Messenger che hanno partecipato a chiamate in questo periodo: più di 700 milioni al giorno.

Facebook ha immediatamente colto questo bisogno di parlare guardandosi negli occhi anche se chiusi in casa e ha sviluppato una funzionalità del social network che ottimizza le chat video.

 

 

Cos’è Messenger Rooms e che caratteristiche ha

 

messenger rooms: strumento per le video chiamate

 

Pochi giorni fa Facebook ha dichiarato l’imminente pubblicazione di Messenger Rooms, lo strumento ideato per creare all’interno del social stanze in cui si possono organizzare videochat di gruppo con un massimo di 50 persone collegate contemporaneamente.

Per essere più precisi, in una prima fase di test (già lanciata) Rooms consente videochiamate con solo 16 partecipanti, mentre dopo il rilascio ufficiale dello strumento si passerà ai 50 account promessi.

 

Una caratteristica molto interessante è l’assenza di un limite di durata della stanza attivata per comunicare con amici o colleghi.

La non scadenza della chat è probabilmente stata inserite per ovviare a un problema di Zoom, che nella sua versione gratuita prevede la disconnessione dei partecipanti dopo 40 minuti.

 

Le altre peculiarità di Messenger Rooms:

  • Basta avere Facebook Messenger per utilizzarlo
  • La stanza può essere condivisa nelle notizie, nei gruppi, negli eventi Facebook
  • Si possono selezionare i partecipanti invitando persone nella stanza o limitandone l’accesso
  • Consente la partecipazione alla videochat anche a chi non è iscritto sul social network

 

Inoltre gli sviluppatori di questo servizio digitale hanno già annunciato che prossimamente le funzionalità di Rooms verranno estese anche a WhatsApp, Instagram, Portal.

 

L’intento di Facebook è quello di dare l’opportunità agli utenti di aprire stanze e di invitare gli amici a passare per un saluto online veloce o per partecipare a una lunga festa virtuale. Praticamente non c’è più bisogno di programmare con scrupolo una videochat di gruppo accordandosi con amici e parenti, ma basta guardare il news feed e decidere di entrare in una stanza.

 

 

Controlli e privacy di Rooms

 

messenger rooms: strumento per le video chiamate

 

La prima regola da conoscere è che chi crea la “room” ha il controllo sulle impostazioni, di conseguenza può decidere chi far partecipare alla chat e dove pubblicarla per fare in modo che gli amici la vedano.

 

Le impostazioni sulla privacy sono state progettate per essere coerenti con il luogo virtuale interno al social in cui si apre una stanza.  Ad esempio, se si crea una stanza all’interno di un gruppo Facebook le impostazioni resteranno quelle note ai membri del gruppo stesso.

 

Facebook dichiara che audio e video non saranno visionati né da loro né da altri al di fuori dei partecipanti alla videochat. La gestione dei contenuti e delle persone è lasciata principalmente a chi crea la stanza virtuale e, in forma ridotta, agli altri utenti presenti.

 

Ecco quali sono i controlli utilizzabili su Messenger Rooms:

  • Espulsione dei partecipanti. Il creatore della stanza ha la facoltà di rimuovere chiunque voglia, così da poter eliminare i partecipanti scorretti o maleducati. Dopo la rimozione di un utente la stanza si blocca automaticamente e il creatore deve riattivarla per mettere ad altri di partecipare alla chat.

messenger rooms: strumento per le video chiamate


  • Stanze bloccate o sbloccate. Si può fare in modo che una stanza risulti bloccata una volta iniziata una chiamata oppure la si può sbloccare per fare in modo che altre persone possano unirsi. Nel caso di una chat condivisa su un gruppo gli amministratori possono partecipare anche se la stanza è bloccata.

  • Abbandono volontario. In ogni momento un partecipante può decidere di andarsene autonomamente dalla chat di gruppo, senza dover chiedere di essere eliminato e senza giustificare la sua decisione.

  • Segnalazione. In caso si noti la trasgressione delle norme della community, una stanza può essere segnalata a Facebook o può essere inviato un feedback per spiegare cosa stia succedendo.

  • Utenti bloccati. È sempre possibile bloccare un utente fastidioso su Facebook o Messenger. La cosa da sapere è che in una stanza non potranno essere presenti contemporaneamente il bloccato e il bloccante. La partecipazione di uno esclude l’altro.

Tornando alla privacy, ci sono differenze tra le tutele per gli iscritti al social network e per gli ospiti.

 

Quando a entrare in una room è un ospite, ovvero chi non ha un account Facebook, l’unica cosa che le altre persone possono vedere è solo il nome che il partecipante ha scelto.

Se in una stanza sono presenti due persone che non sono amiche su Facebook esse non potranno vedere informazioni in più di quelle che vedevano sul profilo dell’altra prima della partecipazione alla chat comune.

La società che amministra il social network dice di raccogliere dati secondo la policy pubblicata sul loro sito, ma dice anche che non verranno usati audio e video a scopi pubblicitari e che non saranno inseriti annunci nelle chat di Rooms.

 

In conclusione si può dire che questa nuova funzionalità introdotta nel social di Zuckerberg attirerà sicuramente un folto pubblico in questo periodo di libertà limitata, ma nel prossimo futuro potrebbe diventare un altro efficace strumento per fare comunicazione e marketing.

 

CTA - SCARICA LA GUIDA - Tutto quello che serve per aumentare il fatturato con una digital strategy

Cinzia Folli

Scritto da Cinzia Folli

Fin da piccola al momento della pubblicità non cambiavo canale, ma la guardavo con lo stesso trasporto con cui fantasticavo davanti ai cartoni animati. Un prodotto, un’emozione, un sentimento: come descriverli e comunicarli alla perfezione mi ha sempre entusiasmato, ancora prima che potessi rendermene conto. I Social sono diventati un potentissimo strumento di comunicazione e la mia sfida più grande sarà mostrarti quanto possano rivelarsi una concreta risorsa di business per il tuo brand.

Com'è la Tua
Strategia Online?

cta-consulenza
RICHIEDI  L'ANALISI GRATUITA  DEL TUO SITO

POST RECENTI

LA BIBLIOTECA DI INSIDE

virtu_mosca_bianca
comunico_consapevolmente

THE INSIDER

insider_aprile 2018

Trimestrale scritto e redatto dall'Agenzia di Comunicazione Inside. Una panoramica completa sulle tematiche più attuali e più innovative, viste e spiegate da vicino grazie ai membri del Team di Inside! 

LEGGILI TUTTI ->

MEDIA KEY

Media_Key_367

Magazine di riferimento per Dir. Marketing, Resp. della comunicazione e media relations, per il top management delle imprese che investono in pubblicità, per le agenzie.

SCOPRILI TUTTI ->