Social strategy: la social media automation fa guadagnare l’ecommerce

Riccardo Pavanello - 4 giugno 2019

 

Social strategy e Social Media Automation

La gestione di un canale social, inutile negarlo, richiede tempo e dedizione.

Si sta comunicando a milioni potenziali clienti ed utenti contemporaneamente, utilizzando il "volto" dell'Azienda.

 

Al fine di creare engagement, conferire visibilità ed importanza ai propri post, si deve lavorare costantemente al fine di creare contenuti validi, unici e in linea con le direttive, lo stile e la corporate aziendale.

 

Tutte attività che necessitano di concentrazione e risorse da dedicare.

 

Ecco perché, negli ultimi anni, è aumentata esponenzialmente la popolarità e richiesta di strumenti di “Social Media Automation”, in grado di automatizzare alcune operazione e snellire, dopo un iniziale processo di set-up, la lista delle attività quotidiane

 

benefici della marketing automation

 

La marketing automation permette ai marketer di risparmiare tantissimo tempo e rendere più efficienti le strategie.

 

LEGGI ANCHE: "Ecommerce strategies: usare la marketing automation per ecommerce"

 

Questa tecnologia è applicabile anche ai social networks aziendali che possono diventare un valido alleato per aumentare le vendite dell’ecommerce.

 

Basta pensare a quanto ogni persona utilizza i social ogni giorno per capire quanto queste piattaforme possono diventare un campo rigoglioso da cui cogliere gli utenti pronti a diventare clienti.

 

Naturalmente, ogni social network ha le proprie caratteristiche peculiari e le strategie devono tenere conto dell’affinità tra esse e i prodotti che si vogliono vendere online.

 

Social strategy: perché automatizzare i social networks dell’azienda

 Social media automation

 

L’influenza che i social hanno sul successo di un ecommerce è evidente anche da recenti ricerche che hanno dimostrato che il 51% dei clienti arriva da questi siti e che il 44% viene fidelizzato attraverso essi.

 

Verrebbe da dire a chi ha un business online: se non sei sui social stai rinunciando alla metà dei potenziali incassi.

Ecco alcuni motivi:

  • Stilare e mantenere costante un Piano Editorialele aziende a corto di tempo o che non dispongono di personale sufficiente per assegnare un team dedicato alla gestione dei social media tendono a lasciare il radar dei social media.

    Di conseguenza, ottengono pochi o nessun beneficio dal marketing sui social media.
    Strumenti come BuzzSumo ti aiutano a scoprire nuovi contenuti di tendenza che puoi condividere con il tuo pubblico, assicurandoti che i tuoi account social rimangano attivi anche quando sei offline.

  • Mantieni il controllo della tua strategiaA seconda dello strumento che si sceglie di utilizzare, è possibile controllare il tipo di contenuto condiviso, l'ora in cui viene pubblicato e anche la frequenza di pubblicazione.

    Inoltre puoi monitorare il livello di coinvolgimento che stai ricevendo e modificare la tua strategia per ottenere più Mi piace, Azioni o Retweet.

    Dato che gli strumenti di social media automation ti aiutano a capire meglio la natura e l'estensione dei lettori, sarai anche in grado di condividere i contenuti in modo più mirato.

  • Gestisci meglio il tuo tempo: Il più grande incentivo nell'utilizzare la marketing automation per la tua social strategy è la quantità di tempo che ti aiuta a liberare.

    L'utilizzo di una dashboard centralizzata per pianificare in anticipo i contenuti ti consente anche di non dover accedere a ciascun account singolarmente e pubblicare i contenuti manualmente.

    Sebbene tu possa automatizzare alcune delle attività associate alla gestione dei social media, dovrai comunque gestire e rispondere a commenti e menzioni.

    Uno degli obiettivi dell'utilizzo del social media marketing è rendere più riconoscibile il tuo marchio.
 

È proprio per questi motivi che la marketing automation diventa un fattore rende più efficiente ed economica la gestione dei social e, di conseguenza, porta notevoli vantaggi all’ecommerce.

 

LEGGI ANCHE: "Aumentare le vendite di un ecommerce attraverso la CRO"

 

Social media strategy: esempio di alcuni degli strumenti più usati per l’automazione

 social strategy - social media automation

 

Per automatizzare alcune attività da svolgere sui social networks si possono usare tantissimi  tool, tra cui i principali sono:

  • MeetEdgar,
  • Buffer,
  • HootSuite,
  • Agorapulse,
  • Sprout Social.

 

Tutti questi software permettono di organizzare al meglio tutte le azioni da svolgere per rendere efficace la propria social media strategy.

 

Le principali funzioni da tenere in considerazione quando si deve scegliere la piattaforma ideale per la social media automation sono:

  • Pianificazione dei post
  • Monitoraggio
  • Elaborazione dei report
  • Gestione

 

Ognuna delle piattaforme per la gestione dei social ha caratteristiche peculiari, quindi è opportuno fare qualche test e prendere informazioni prima di scegliere quella perfetta per i propri scopi.

 

 

Crea una social strategy a favore dell’ecommerce

 

Bisogna sempre ricordare che i social devono far parte di una strategia che mira ad aumentare i clienti e i guadagni dell’ecommerce.

Questo monito apparentemente ovvio spesso entra da un orecchio ed esce dall’altro, mentre dovrebbe sempre essere tenuto a mente.

 

social strategy - social media automation

 

La marketing automation fa risparmiare tempo quando si devono postare contenuti o rispondere ai follower, ma deve essere tutto gestito attraverso un piano stabilito anticipatamente.

 

Si possono fare test, anzi bisogna farli, ma non si può improvvisare pensando di gestire un social aziendale come fosse quello personale.

 

Per fare un esempio concreto si può pensare a un testo che abbiamo pubblicato sul blog dell’azienda in cui si danno informazioni mirate ad un preciso target di pubblico. I social diventano il veicolo con cui dare visibilità all’articolo.

 

Prima di impostare la serie di post che portano alla pagina con il contenuto che vogliamo far leggere, bisogna scegliere il social più adatto.

Generalizzando un po’ si può dire che: Linkedin è la piattaforma giusta per contenuti rivolti ai professionisti, Facebook per un pubblico più generalista, Instagram è da scegliere se il contenuto è molto visivo (abbigliamento, cibo, auto, ecc…).

 

Oltre a studiare contenuti social che verranno pubblicati automaticamente e che linkeranno il blog, si può sfruttare il chatbot per avvertire i follower dell’azienda della pubblicazione di un nuovo articolo.

best practices per gli ecommerce

Riccardo Pavanello

Scritto da Riccardo Pavanello

Project Manager e Social Sea Specialist. Fonda la sua attività nell’organizzare i progetti di comunicazione per le aziende, in particolar modo quando si tratta di fare pubblicità attraverso i Social Network. Statistiche, numeri e targetizzazione del pubblico sono le fondamenta del suo lavoro per portare leads caldi alle aziende attraverso il sistema di Marketing Diretto.

Com'è la Tua
Strategia Online?

cta-consulenza
RICHIEDI  L'ANALISI GRATUITA  DEL TUO SITO

POST RECENTI

LA BIBLIOTECA DI INSIDE

virtu_mosca_bianca
comunico_consapevolmente

THE INSIDER

insider_aprile 2018

Trimestrale scritto e redatto dall'Agenzia di Comunicazione Inside. Una panoramica completa sulle tematiche più attuali e più innovative, viste e spiegate da vicino grazie ai membri del Team di Inside! 

LEGGILI TUTTI ->

MEDIA KEY

Media_Key_367

Magazine di riferimento per Dir. Marketing, Resp. della comunicazione e media relations, per il top management delle imprese che investono in pubblicità, per le agenzie.

SCOPRILI TUTTI ->